Una piñata per San Valentino

Ciao a tutti! Oggi la mia amica Sabina Sica, vi insegnerà a fare una pentolaccia, o piñata. Un’idea originale per questo San Valentino! 

Le piñate sono diventate negli ultimi anni una presenza abbastanza fissa soprattutto alle feste di compleanno dei bambini e sempre più agenzie di animazione offrono nei loro pacchetti la possibilità di includere piñate dalle forme semplici e dimensioni contenute (30x30cm max).  In genere le piñate più grandi sono fatte a mano su richiesta ed i prezzi variano a seconda delle dimensioni, del disegno e a seconda che all’interno ci siano già caramelle e gadget. Per una piñata personalizzata, delle dimensioni di circa 1m x 60cm, già completa di caramelle si può arrivare a spendere 80, 100 euro.  Sono piñate bellissime e magari vale la pena spendere una cifra simile per un’occasione speciale. Tuttavia se volete sorprendere il vostro festeggiato senza spendere troppo potete provare a realizzarne una voi! E visto che tra poco è il 14 febbraio, vi farò vedere come costruire una piñata a forma di cuore per la festa di San Valentino da festeggiare con i nostri bimbi, le personone che noi mamme amiamo più al mondo.

Per la realizzazione della  piñata ‘cuore’ avrete bisogno di:

  • decorazioni a piacere
  • fogli di giornale tagliati a strisce
  • due palloncini in lattice a forma di goccia
  • cartoncino
  • nastro adesivo
  • 1 l d’acqua
  • 3 cucchiai di farina 
  • nastro robusto
  • 3m di corda
  • taglierino o forbici
  • spillatrice
  • pittura a tempera o carta crespa colorata
  • colla vinilica
  • caramelle

Per prima cosa bisogna fare la colla di farina, o ‘engrudo’, come viene chiamata in Sud America.  Usando una pentola, versate i 3 cucchiai di farina nel litro d’acqua e mischiate. Mettete il composto sul fuoco e portate a temperatura mescolando fino a che la sua consistenza cambierà diventando più densa.  Dovrebbero volerci più o meno 10 minuti, dopodichè spegnete e fare raffreddare. La colla di farina è pronta. Potrete usarla per diversi giorni e potrete conservarla in frigo fino ad un paio di settimane. Se nel corso dell’opera noterete che la colla è diventata troppo densa potrete diluirla con dell’acqua e non perderà le sue proprietà adesive.

Per la struttura della piñata gonfiate i due palloncini, avendo cura che siano delle stesse dimensioni, annodateli insieme dalle due aperture e attaccateli tra di loro di lato usando del nastro adesivo così da formare la parte superiore del cuore.

Per la punta del cuore usate il cartoncino, magari riciclando una confezione di cereali, piegandolo a forma di cono ed attaccate il cono alla base dei palloncini con il nastro adesivo.

Ora che avete completato la struttura siete pronti per iniziare a stendere le strisce di carta di giornale.  Con la mano stendete un po’ di colla su ogni striscia di carta ed adagiatela sulla struttura della piñata. Quando giungerete all’attaccatura tra i due palloncini fate in modo che le strisce si adagino formando una curva verso il basso.  Una volta coperta tutta la struttura dovrete aspettare che si asciughi completamente e ripetere da capo l’operazione. Avrete bisogno di almeno 4 strati di carta sovrapposti.

E’ il momento di colorare la piñata.  Un modo tradizionale in Messico è quello di ricoprire interamente la piñata di lunghe strisce di carta crespa ricavate tagliando a dischi di circa 2cm di larghezza i rotoli di carta crespa e fare ancora dei tagli di circa 1cm su un lato dei dischi in modo che srotolando i dischi si ottenga una lunga striscia con un lato senza interruzioni dove si applicherà la colla e il lato opposto con tante frange lasciate libere.  L’effetto che si ottiene è quello duplice di aumentare il volume della piñata e di nascondere eventuali imperfezioni della superficie.

Il modo che io preferisco è invece di dipingerla usando i colori a tempera e lucidandola con una mano finale di colla vinilica.  In questo modo sarà possibile mettere in evidenza molti più dettagli ma si evidenzieranno anche i difetti e le imperfezioni della superficie.  Prima di stendere il colore conviene dare una mano di bianco così da ‘cancellare’ le scritte della carta stampata, poi dare almeno due mani del colore desiderato ed infine la colla vinilica. Per eventuali ritocchi conviene usare pennarelli acrilici sullo strato asciutto di colla vinilica.

Quando la  piñata sarà asciutta potrete tagliare le due aperture che vi servono per il gancio e la porticina da dove infilare le caramelle.  Per la porticina, fate un taglio a forma di C su uno dei lati più ampi del cuore abbastanza grande da riuscire ad infilarci una mano.  Fate rompere e gettate via i palloncini che sono dentro. Per il gancio, fate un taglio di circa 3cm sulla sommità del cuore al centro, nella curva verso il basso tra i due monti e trasversale rispetto ai lati più ampi del cuore.

Aiutandovi con una mano inserita nella piñata fate passare un nastro robusto dall’apertura di 3cm lasciando un occhiello abbastanza grande da farci passare una corda.  Spillate il nastro al cuore da entrambi i lati dell’apertura. Il gancio dovrebbe essere orientato in modo tale che, una volta appeso alla corda, il cuore sia in posizione frontale rispetto a chi guarda.  Per questo motivo il taglio per il gancio deve essere trasversale rispetto ai lati lunghi del cuore Per aiutarvi immaginate di dover infilare un pendente in una catenina da indossare al collo in modo che chi guarda riesca a vedere frontalmente il pendente.

Infine inserite le caramelle nella piñata o alternativamente altri gadget, oggettini che i festeggiati possono tenere come ricordo della festa.  Per esempio, in rete si possono acquistare piccoli strumenti musicali e giochini in plastica come mini labirinti, mini frisbee, timbrini, ecc. Oppure, a seconda del tema della festa, la piñata si può impreziosire con braccialetti fluo, ‘pietre preziose’ colorate, accessori per capelli, ecc. Unica raccomandazione: usate oggetti che resistono ai colpi dati alla piñata e alla caduta a terra.

Tornando al nostro cuore di S. Valentino, una volta completato, si potrà arricchire disegnando occhi e bocca, colorarlo come un arcobaleno, oppure facendolo passare da parte a parte da una freccia, oppure ancora attaccando due ali di cartoncino ai suoi lati.  Solo la fantasia è il limite!

Spero questo tutorial vi abbia ispirato, buon divertimento con la vostra piñata e… buon San Valentino!

Sabina Sica

 

Sabina Sica è una linguista, interprete e viaggiatrice. Ha viaggiato in molti paesi e quando è in Italia ama lavorare con la carta. 

Queste sono alcune delle sue creazioni

pinate.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...